Certificazioni Biologiche

Certificazioni Biologiche

Le nostre nuove certificazioni biologiche

E’ con molta soddisfazione ed un pizzico di orgoglio che Antico Molino Rosso desidera comunicare a tutti gli affezionati lettori e clienti che siamo ufficialmente certificati UNI EN ISO 9001:2008 ed IFS Food Vs 6.

Ma qual è il significato di queste certificazioni?

La norma UNI EN ISO 9001:2008, ampiamente diffusasi negli ultimi anni, è uno standard volontario atto a stabilire dei requisiti per un buon Sistema di Gestione per la Qualità. Destinata ad aziende ed organizzazioni, non fa distinzione di ambito e pertanto può essere applicata a qualsiasi realtà produttiva e non solo alle aziende che producono generi alimentari. Tra i capisaldi della norma rientrano un’organizzazione orientata al cliente, il coinvolgimento del personale, un approccio basato sui processi e l’obiettivo di un miglioramento continuo. IFS (acronimo di International Featured Standard) Food Vs 6 è anch’esso uno standard volontario, ma specifico per le aziende produttrici di alimentari. La norma stabilisce delle norme di comportamento per il personale e delle specifiche da rispettare per quanto riguarda gli ambienti produttivi, i processi ed i prodotti. Sono previsti specifici elementi di un sistema di gestione atto a garantire la qualità e la sicurezza igienico-sanitaria dei prodotti, basato sulla metodologia HACCP. Per raggiungere queste certificazioni volontarie sono stati impiegati investimenti e risorse, con lo scopo di poterVi garantire un prodotto sempre più sicuro e di qualità, obiettivo da sempre nel credo di Antico Molino Rosso.


Molino Rosso è Biodiversity Friend

Biodiversity Friend è uno standard creato da World Biodiversity Association onlus, un’associazione no-profit fondata nel 2004 al Museo di Storia Naturale di Verona.
L’associazione ha due mission: contribuire attivamente all’inventario della biodiversità biologica del nostro pianeta ed affermare il ruolo fondamentale dell’educazione nella conservazione degli ambienti naturali.
Lo standard Biodiversity Friend nasce nel 2010 ed è il primo standard che valuta la conservazione della biodiversità in agricoltura e prende in considerazione le seguenti azioni:

-i metodi di difesa dalle avversità
-il ripristino della fertilità del suolo
-la presenza di siepi e boschi
-la presenza di specie nettarifere e superfici a prato
-la conservazione della biodiversità agraria
-l’utilizzo di energie rinnovabili
-altri interventi per favorire la biodiversità in azienda

L’efficacia della gestione e il rispetto degli obiettivi sono valutati attraverso lo studio della qualità biologica di suolo, acqua e aria, mediante metodi di biomonitoraggio condivisi e supportati dalla comunità scientifica.
Nel 2010 Biodiversity Friend ha ottenuto il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.